Separazione dei materiali lunghi e filamentosi

Ecostar presenta la nuova tecnologia HYPER Dynamic Disc Screening

Quest’anno, ad Ecomondo, Ecostar presenta HYPER Dynamic Disc Screening, una tecnologia che perfeziona la separazione dei materiali lunghi e filamentosi, consentendo un processo di trattamento dei rifiuti più continuo e preciso.

Oggi, i vagli a dischi dinamici Ecostar usano la tecnologia Dynamic Disc Screening, che utilizza una serie di alberi a dischi, esagonali oppure ottagonali, con profilo piatto. Grazie a questa particolare conformazione, il materiale scorre sui dischi del vaglio e subisce una sollecitazione sussultoria che separa il rifiuto. Il risultato è una frazione separata e pulita, pronta per i trattamenti di riciclo.
Partendo da questa tecnologia unica, l’azienda ha progettato HYPER Dynamic Disc Screening (Hyper DDS), una soluzione tecnologica in grado di accelerare e migliorare la separazione dei materiali lunghi e filamentosi presenti nei rifiuti, come i sacchetti di plastica, le reggette di plastica utilizzate per l’imballaggio o i sacchetti compostabili per i rifiuti organici che possono facilmente avvolgersi intorno agli alberi.

La tecnologia Hyper Dynamic Disc Screening si basa su un’aletta montata su ogni disco che segue la rotazione dei dischi stessi. Hyper DDS raccoglie i sacchetti, i materiali filamentosi mischiati con gli altri materiali di scarto e li spinge verso il sopravaglio impedendone l’attorcigliamento e riducendo per tanto i fermi macchina.

Filippo Cappozzo, CEO Sales & Marketing Ecostar: “L’innovazione è nel nostro DNA, siamo costantemente orientati a scoprire nuove soluzioni che possano rispondere alle crescenti e mutevoli esigenze del settore. Dopo aver rivoluzionato il mercato con il Dynamic Disc Screening, portiamo una nuova innovazione, HYPER DDS, che accelera la separazione dei rifiuti, migliorando la produttività e i risultati economici dei nostri clienti.

Hyper Dynamic Disc Screening è una tecnologia “patent pending” e sarà disponibile a partire da gennaio 2020 sia per i vagli stazionari Hexact, che per i vagli mobili Hextra.

WordPress Lightbox